Stampa

Il gas tracciante comunemente utilizzato nei controlli di tenuta a massospettrometro è l’elio, un gas nobile che riassume le caratteristiche migliori per questo scopo:

Quando le quantità di gas utilizzato nei collaudi di tenuta è notevole, diventa economicamente conveniente il ricorso ai sistemi di recupero.

La quantità di gas necessario alla conduzione delle prova è influenzato dai tre sostanziali fattori:

In alcuni casi è sufficiente la presenza di un valore elevato in uno dei tre fattori a consigliare l’adozione del sistema di recupero;  questa diventa imperativa quando già due di questi sono particolarmente significativi.

I sistemi di recupero consentono di contenere i costi del collaudo con elio, permettendo recuperi fino ad oltre il 90% del gas utilizzato.

Può essere valutata la convenienza in base all’efficienza del recupero. Questa è elevata quanto maggiore è la differenza tra la pressione di collaudo e la pressione di scarico e recupero.

In funzione delle esigenze del sistema di collaudo utilizzato, sono disponibili recuperatori con caratteristiche adeguate al caso, con capacità di accumulo per volumi e pressioni diverse.

Nei sistemi di collaudo che utilizzano quantità limitate di gas, è spesso possibile collegare più postazioni allo stesso recuperatore.

Il recuperatore ha generalmente un funzionamento autonomo, e può essere installato anche per l'asservimento di macchine già esistenti.

 

Basse pressioni e basse portate:
1,0÷1,6 MPa (10÷16 bar)

 

Medie pressioni e alte portate:
3,0÷7,0 MPa (30÷70 bar)

 

Alte pressioni e portate:
20÷40 MPa (200÷400 bar)

Utilizzando questo sito, accetti che sia noi che i nostri partner possano impostare dei cookie per personalizzare i contenuti come da nostra Cookie Policy. Se vuoi saperne di più clicca su "Ulteriori informazioni", se non accetti ti preghiamo di chiudere questa finestra del tuo browser.